Seleziona una pagina

modenaexpo2017

ARTICOLI E NEWS SULLA SCUOLA E FORMAZIONE

EVENTI, CONVEGNI, TAVOLE ROTONDE

CONFRONTO, METODO E DIDATTICA PER COMPETENZE

IL MONDO DELLA TECNOLOGIA

PARTECIPA E COLLABORA: INVIA IL TUO ARTICOLO

Expo Elettronica – Modena

14-15/01 | Modena | Manifestazioni |

Expo Elettronica, la grande fiera dedicata all’elettronica professionale e di consumo, torna a Modena Fiere nei giorni 14 e 15 gennaio 2017.

Oltre trecento espositori, provenienti da tutta Italia, propongono migliaia di articoli di informatica, telefonia, tablet, videogiochi, audio car, navigatori, piccoli elettrodomestici, illuminazione, materiali di consumo, ricambi, minuteria e prodotti per l’hobbistica e il fai da te.

Punto di forza della mostra mercato sono i prezzi che, possono toccare un ribasso fino all’80% rispetto ai canali di distribuzione tradizionali.
Nell’ambito di Expo Elettronica il pubblico troverà alcune gradite conferme ed alcune novità:

Tom’s Hardware presenta i MATES gli youtubers più seguiti del web che saranno presenti nell’area dedicata sia sabato che domenica. Saranno inoltre allestite le postazioni VR CON per immergersi in mondi virtuali e provare una delle esperienze più cool del momento.

Mo.Ma Modena Makers un settore dedicato alle nuove tecnologie open source con le novità di settore e occasioni di approfondimento. Parteciperanno al settore FabLab locali e makers che presenteranno i propri progetti.

Cos.Mo Cosplay Modena è la versione 2.0 della tradizionale fiera del fumetto e cosplay; una fiera a misura di cosplayer protagonisti di grande raduno che si terrà nella giornata di domenica.

Mo-Del Modena Modellismo dedicato al modellismo statico e dinamico, con esibizioni, dimostrazioni, seminari e work shop per tutti gli appassionati.

Le Olimpiadi Robotiche si svolgeranno con la collaborazione degli Istituti Superiori. Gli studenti gareggeranno con i robot in tre diverse discipline. Non solo divertimento, la robotica contribuisce ad alimentare abilità come creatività, lavoro di squadra, pensiero critico ed è il primo passo verso un’educazione sempre più tecnologica.
La Zona Disco è lo spazio dove poter trovare vinili, cd e DVD usati e da collezione.

Per maggiori info clicca qui
Per visualizzare la locandina dell’evento clicca qui

CORSI 2017 SECONDO QUADRIMESTRE

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.

CONTINUA A NAVIGARE

A-ASSOCIAZIONE
D-AREA SOCI

1. avvisi

2. documenti

3. votazioni

B-NOTIZIE

1. Articoli news (sei qui)

2. Eventi

3. Pubblica articolo

E-ISCRIVITI

1. al portale

2. ai corsi

3. diventa socio

C-FORMAZIONE

1. ReNaFor

2. Metodo

3. Ambienti

4. Giude

5. FAD

6. CORSI

F-CONTATTI

1. associazione

2. redazione

3. problemi tecnici

L’incoerenza del Piano Nazionale Scuola Digitale rispetto alla sua finalità

ARTICOLI E NEWS SULLA SCUOLA E FORMAZIONE

EVENTI, CONVEGNI, TAVOLE ROTONDE

CONFRONTO, METODO E DIDATTICA PER COMPETENZE

IL MONDO DELLA TECNOLOGIA

PARTECIPA E COLLABORA: INVIA IL TUO ARTICOLO

Inviato da Edscuola
11 gen 2017, Enrico Maranzana

L’incoerenza del Piano Nazionale Scuola Digitale rispetto alla sua finalità
Enrico Maranzana
Il ministro Fedeli, al punto 7 dell’atto d’indirizzo Miur, assicura la continuità e la coerenza con il Piano Nazionale Scuola Digitale i cui obiettivi “sono quelli del sistema educativo: le competenze degli studenti, i loro apprendimenti, i loro risultati, e l’impatto che avranno nella società come individui, cittadini e professionisti …. per rispondere alle sfide di un mondo che cambia rapidamente, che richiede sempre di più agilità mentale, competenze trasversali e un ruolo attivo dei giovani”.
Riformulando: il vorticoso cambiamento socio-culturale implica la finalizzazione del sistema educativo nelle qualità mentali e comportamentali degli studenti (organizzarsi mentalmente, astrarre, discernere, argomentare, sintetizzare, scegliere, modellare, controllare, comunicare, progettare, rappresentare, gestire la complessità …).
Le competenze da sollecitare e gli apprendimenti da promuovere sono il fondamento della razionale gestione della scuola: tutti gli insegnamenti sono da coordinare e la progettazione didattica dei docenti trova la sua stella polare nei traguardi di sistema.
Alla struttura organizzativa è affidata la responsabilità del coordinamento [cfr. in rete “Coraggio! Organizziamo le scuole” e “Quale formazione per il dirigente scolastico”] mentre i singoli docenti utilizzeranno strumentalmente le discipline per contribuire e partecipare alla progettazione educativa d’istituto [dpr 275/99 art.1].
Per promuovere competenze è necessario dilatare il significato di “disciplina”: non più insieme strutturato di conoscenza ma entità in divenire che, riconosciuto e definito un problema lo risolve, applicando i tipici procedimenti risolutivi della disciplina [CFR in rete “La professionalità dei docenti: un campo inesplorato”].
Un cambiamento profondo della professionalità docente; il libro di testo non scandisce più l’itinerario didattico: l’ideazione, la realizzazione e la gestione di occasioni d’apprendimento l’hanno relegato in seconda linea.
La scuola diventa un laboratorio: gli studenti sono immersi nei problemi che hanno caratterizzato l’evoluzione disciplinare, ne ricercano e conquistano le soluzioni per arricchire il loro bagaglio culturale.
L’analisi di tutte le discipline, la valorizzazione dei relativi problemi e metodi, sono l’imprescindibile incipit che sostanzia l’asserzione ”L’educazione nell’era digitale non deve porre al centro la tecnologia, ma i nuovi modelli di interazione didattica che la utilizzano” .
La disattenzione all’ordinaria attività di classe e all’unitarietà della gestione (visione sistemica) colloca il PNSD su un binario morto; sterilità derivante anche dall’aver limitato l’analisi delle esperienze al 2007: in rete “La scuola regredisce. Dal Piano Nazionale Informatica al Piano Nazionale Scuola Digitale” illumina la scena.

CORSI 2017 SECONDO QUADRIMESTRE

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.

Corso 06/2017: EAS 5. Sviluppo di competenze in ambienti digitali complessi

Corso 06/2017: EAS 5. Sviluppo di competenze in ambienti digitali complessi

Corso 06/2017: EAS 5. Sviluppo di competenze in ambienti digitali complessi
(Episodi di Apprendimento Situati). Quinta edizione. Sviluppo di competenze in ambienti digitali complessi in chiave pedagogico-didattica con integrazione di pensiero computazionale, realtà virtuale e aumentata. Dal 25 gennaio.

EAS5: 2° LIVELLO DI PERFEZIONAMENTO
Laboratorio di didattica capovolta – Quinta edizione
L’iniziativa è sostenuta dal Cremit, Centro di Ricerca sull’Educazione ai Media all’Informazione e alla Tecnologia dell’Università Cattolica del S. Cuore di Milano diretto dal Prof. Pier Cesare Rivoltella.

PAGINA DI PRESENTAZIONE DEL CORSO

60 ore valide per l’obbligo formativo. Attestato riconosciuto dal MIUR. Spese di contributo all’associazione (60,00 euro) deducibili dal bonus formazione.

ReNaFor-Anitel
Rete Nazionale di Formazione Assistita ANITeL
Tecnologie, Comunicazione e Innovazione didattica – Formazione docenti – Counseling e supporto alle scuole – PNSD a livello nazionale

CORSO 06/2017: EAS 5 (episodi apprendimento situati). Sviluppo di competenze in ambienti digitali complessi

Docente Autore: Prof. Laura Antichi, Insegnante di Filosofia, Scienze Sociali e Tecnologie
Tutor d’Ambiente: Gioachino Colombrita, Insegnante di Diritto Scuola Sec. 2° grado
Direttore del corso: Valerio Pedrelli, Presidente ANITeL

1-2 Calendario || Valutazione
3- Guida: come iscriversi al corso
4- Guida: come partecipare agli incontri sincroni
5- Contributo all’associazione
6- 
Guida: allegare copia digitale

7 Allega copia digitale del versamento 
(prima devi loggarti)
8- Contatti e Assistenza
9- VAI AL CORSO (disponibile alla data prevista in calendario)

BREVE DESCRIZIONE:
Corso di progettazione didattica evoluta sugli EAS (Episodi di Apprendimento Situati), rivolto a docenti. Gli strumenti e gli ambienti EAS (Episodi di Apprendimento Situati) sono rimappati in chiave pedagogico-didattica con integrazione di pensiero computazionale, realtà virtuale e aumentata. L’obiettivo è il potenziamento dell’approccio emozionale, di simulazione ed epistemologico. Le esperienze con pratiche autentiche degli studenti sono valorizzate in rapporto alla progettazione per competenze. Le Culture Partecipative e la Media Education sono l’obiettivo di produzione riflessiva e di comunicazione, che stimolano studenti e docenti alla collaborazione e alla circolazione delle idee. I contesti individuali dei partecipanti all’apprendimento possono essere poco o molto tecnologici, ma partendo dall’aula scolastica e dalla sua strutturazione dinamica si può superare l’esclusione. Il concetto da perseguire è la riflessività critica, la partecipazione consapevole alle conoscenze, la co-costruzione dei saperi per competenze. Nel contesto del Corso ogni modulo sarà articolato in forma laboratoriale virtuale.

Codice: 06/2017
Livello: 2° livello 
Numero d’iscrizioni: minimo 10, massimo 60
Destinatari: tutti gli ordini di scuola
Numero moduli: 08
Durata in settimane: 12
Totale ore: 60 di cui 16 in presenza virtuale sincrona tramite webinar o mondi virtuali 3D, 16 di ricerca, studio e approfondimento, 20 di produzione elaborati, verifiche, 8 di socializzazione, brainstorming, condivisione e forum
Periodo: gennaio/aprile 2017
Numero di incontri sincroni: 08 tramite Webinar e/o diretta streaming o Aula 3D
Giorno e ora incontro settimanale: al martedì alle ore 21:15
Date incontri sincroni: ogni martedì ad iniziare dal 24 gennaio 2017
Prerequisiti: saper orientarsi in una piattaforma LMS Moodle, utilizzo dei forum, inserire o scaricare allegati, partecipare a una video conferenza, entrare in un’aula virtuale 3D
Requisiti tecnici: devices aggiornati fissi o mobile, connessione internet media o veloce, cuffie e microfono

OBIETTIVI GENERALI:
• Progettare un EAS (Episodi di Apprendimento Situati) completo con approfondimento di alcune applicazioni consigliate.
• Valutare l’efficacia della Media Education in classe.
• Contribuire con riflessioni alla condivisione di proposte creative.
• Affrontare la complessità scegliendo microcontenuti altamente formalizzanti e trasferibili.

AMBIENTI UTILIZZATI:

1- La piattaforma Anitel-fad Moodle ( http://fad.anitel.it/ ) costituisce l’ambiente ufficiale di partenza in grado di tracciare le attività in cui trovare l’implementazione completa del percorso: l’iscrizione al corso, il calendario, la tabella dei crediti, le dispense, le guide, i videotutorial, i forum tematici, il repository degli elaborati, i monitoraggi, il portfolio personale e il registro, la valutazione e la certificazione finale (badge e attestato). Le attività sulla piattaforma non sono legate a un orario o a un giorno specifico, consentendo una discreta libertà d’azione dagli impegni quotidiani.

2– La diretta streaming, il webinar o il web conference per gli incontri sincroni di introduzione, approfondimento e conclusione di ogni modulo. In alternativa potrà essere usata l’aula 3D dei mondi virtuali.

3- Il Repository: la completa archiviazione multimediale dell’esperienza consente, in caso di assenza o di dubbi, una documentazione preziosa per il recupero e l’approfondimento sulle unità svolte.

Modalità: durante l’incontro introduttivo saranno illustrati gli ambienti d’apprendimento utilizzati tramite webinar e diretta streaming. Gli incontri sincroni (presenza virtuale) hanno lo scopo di counseling verso i corsisti, di riepilogo o chiarimenti del modulo precedente, di illustrazione dei successivi e di dimostrazione pratica e diretta delle varie applicazioni introdotte e loro contestualizzazione didattica. Ogni incontro verrà registrato e implementato nel repository per agevolarne il recupero in caso di assenza e l’approfondimento. Il corso sarà interamente implementato sulla piattaforma LMS Moodle Anitelfad in grado di permettere socializzazione, condivisione, confronto, implementazione di risorse e compiti, tracciamento ai fini dell’attestato conclusivo (Ente accreditato per la formazione dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca con Prot. n. AOODGPER15315 del 27 luglio 2007). 

CONTENUTI E STRUMENTI: (soggetti ad eventuale aggiornamento ed integrazione)

Modulo 1: AMBIENTI DIGITALI COMPLESSI, EAS, COMPETENZE, DIDATTICA. I contesti tecnologici (digitali e non digitali) come ipotesi di lavoro e di problem solving. La simulazione e le pratiche di apprendimento. Praticare il problem solving come metodologia usando occasioni e strumenti.

Modulo 2: DALLA COMPLESSITÀ ALLA SEMPLESSITÀ attraverso la macro e micro progettazione EAS. La gestione degli spazi situati e la loro scelta. Sobrietà e ridondanza tecnologica. Riorganizzare il contesto d’aula. 

Modulo 3: IL PRINCIPIO DELLA CONTINUITÀ degli EAS e la loro organizzazione negli spazi di e-learning. Piattaforme e repository.

Modulo 4: IL PRINCIPIO DELLA MOLTEPLICITÀ negli EAS. Le competenze negli ambienti simulati. Gli ambienti 3D e le loro occasioni.

Modulo 5: IL PRINCIPIO DELLA SELEZIONE nel Momento Preparatorio degli EAS. Gli strumenti come input motivazionali. Strategie multimediali (audio-video), competenze computazionali e robotiche per l’inclusione e il potenziamento.

Modulo 6: IL PRINCIPIO DELL’IMMERSIVITÀ nel momento operatorio. Gli strumenti di comunicazione e di produttività. Le realtà aumentate.

Modulo 7: IL PRINCIPIO DELLA RIORGANIZZAZIONE SEMANTICA tra momento operatorio e ristrutturativo. Strumenti e competenze di pubblicazione. Le performance definite dai prodotti e dalle modalità di presentazione.

Modulo 8: IL PRINCIPIO DELLA VALUTAZIONE TRASVERSALE PARTECIPATA. La valutazione per competenze e i suoi strumenti. Dalle ipotesi di lavoro alla conclusione.

MODALITÀ DI VALUTAZIONE E ATTESTATO

Sarà utilizzata una griglia perla valutazione di ciascuna attività. La certificazione del superamento del corso avverrà a fronte del 60% dei crediti assegnabili. Emissione di attestato riconosciuto come Ente accreditato per la formazione dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca con Prot. n. AOODGPER. 15315 del 27 luglio 2007. Le ore attestate sono riconosciute nel monte ore di formazione obbligatoria

DATI ANITeL

• Codice fiscale assegnato: 92126000345
• Registrazione c/o l’Ufficio delle Entrate del Ministero delle Finanze, atto costitutivo 100358 / 22 luglio 2004
• Sede operativa: via Boscoli 4, 43100 Parma tel/fax 0521 967693   339 7114535
• Sede legale: via Primo Levi 2, 43040 Varano de’ Melegari (PARMA) c/o studio commerciale Capretti Nella
• Accreditamento MIUR: Ente accreditato per la formazione dal MPI con Prot. n. AOODGPER. 15315 del 27 luglio 2007.

1-2 Calendario || Valutazione
3- Guida: come iscriversi al corso
4- Guida: come partecipare agli incontri sincroni
5- Contributo all’associazione
6- 
Guida: allegare copia digitale

7 Allega copia digitale del versamento 
(prima devi loggarti)
8- Contatti e Assistenza
9- VAI AL CORSO (disponibile alla data prevista in calendario)

QRcode del corso 06/2017

Confermato l’accreditamento MIUR come ente di formazione

Confermato l’accreditamento MIUR come ente di formazione

ANITeL è un’associazione no profit a livello nazionale di formatori e-Tutor, docenti di ogni ordine e grado esperti e appassionati di didattica digitale che condividono gratuitamente le loro competenze organizzando percorsi formativi, seminari e tavole rotonde, webinar e videoconferenze in aule 3D e mondi virtuali, materiali di studio, videotutorial e ipermedia con licenza creative commons.

E’ nata spontaneamente come community di pratica nel 1999 in occasione del primo corso formativo online MULTIMEDI@SCUOLA con il coinvolgimento di 100 000 insegnanti organizzato dal MIUR tramite Rai Educational per il quale ANITeL ha creato e messo gratuitamente a disposizione le guide pratiche che incontrarono molto gradimento (circa 1 milione di download) (esplora>>)

Nel 2001 in occasione dei primi corsi blended (NEOASSUNTI, FORTIC, PUNTOEDU) di formazione e-learning destinati ai docenti da parte di INDIRE-MIUR, partecipo’ direttamente alla conduzione delle classi virtuali, alla moderazione dei forum nazionali, alla produzione di Learning Object come materiale di studio. L’evento, di rilevanza storica, prevedeva un coinvolgimento di 200 000 utenze, numero mai raggiunto prima, nemmeno nei paesi anglosassoni. Si sentiva il bisogno, di fronte all’introduzione ufficiale delle ICT nella didattica, di condividerne le competenze e le problematiche, allora assai rilevanti.

Nel 2004 si è costituita ufficialmente in Associazione Nazionale Insegnanti Tutor e-Learning passando da una community di pratica a ente organizzato in modalità no profit. Da allora ha regolarmente collaborato con Indire tramite vari protocolli d’intesa con l’obiettivo di condividere competenze e knowledge management necessari per un miglior funzionamento degli ambienti e dei processi.

Da allora ha continuato la collaborazione con il testing delle piattaforme PuntoEdu, la creazione di Learning Object, il coordinamento dei focus group dei vari corsi Indire, la moderazione dei forum, la raccolta dati dei vari monitoraggi organizzata dal Cremit, la partecipazione all’organizzazione dei seminari nazionali Tutor Senior ed altro ancora…. Inoltre, con l’iniziativa “NO COPYRIGHT SU FORMAZIONE, INSEGNAMENTO E CULTURA SENZA FINI DI LUCRO” tramite una petizione di circa 20 mila firme, ha ottenuto la modifica all’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941 con il Progetto di legge 2221 (Fase iter Camera: 1^ lettura) LUSETTI ed altri: “Disposizioni concernenti la Società italiana degli autori ed editori” (2221) Stato iter: Approvato il 25 ottobre 2007.

Art. 2. (Usi liberi didattici ed enciclopedici). 1. Dopo il comma 1 dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941 è inserito il seguente: «1-bis. È consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet a titolo gratuito di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradati, per uso didattico o enciclopedico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro. Con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali, sentito il Ministro della pubblica istruzione e dell’università e della ricerca, previo parere delle Commissioni parlamentari competenti, sono definiti i limiti all’uso didattico o enciclopedico di cui al precedente periodo».

Dal 2007 è ente accreditato per la formazione dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca con Prot. n. AOODGPER. 15315 ed eroga corsi di formazione sulla nuova didattica, sempre in modalità no profit utilizzando gli strumenti piu’ avanzati. I percorsi formativi nascono da una costante e innovativa ricerca nell’ambito metodologico-didattico pedagogico applicato alla prassi quotidiana in classe, legati all’esperienza sul campo e danno diritto all’attestato finale, accompagnato da ricevuta deducibile dal bonus formazione come iscrizione a corsi per attività di aggiornamento o di qualificazione delle competenze professionali svolti da enti accreditati presso il MIUR ai sensi dell’art.4 del DPCM 23 settembre 2015.

Comics&Graphic riprendono gli incontri sincroni

Comics&Graphic riprendono gli incontri sincroni


Lunedì 09 gennaio 2017 riprenderà il corso ANITeL 03/2016 Comics & Graphic condotto dai Proff. Alberto Pian e Elisabetta Serrao. Come migliorare la qualità e la creatività del proprio insegnamento e raggiungere nuovi e importanti risultati con i propri apprendenti tramite il workflow, le pratiche per impiegare il linguaggio e le tecniche dei Comics. MODULO 6:  Tecniche di narrazione visuale. Se stiamo attenti a questi elementi, allora possiamo davvero impiegare una moltitudine di soluzioni per arricchire il nostro lavoro e per raccontare bene la storia. Proseguiamo il nostro discorso sulla composizione e le sue tecniche… Webinar alle ore 21:15

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi