Seleziona una pagina
Smart Project 2021

Smart Project 2021

Smart Project 2021, fase finale. Un Progetto per la scuola di domani

Dal 2004 impegno e passione al servizio della scuola italiana

di Valerio Pedrelli, Presidente ANITeL e redazione Scuolidea.it

Roma, 12 – maggio 2020

OMRON Italia
Contribuire a una vita migliore e al benessere della Società
Essere pionieri nella creazione di soluzioni dedicate al futuro.
Ricerchiamo nuove sfide con passione e con coraggio.
Agire con integrità e incoraggiare il potenziale di tutti.

Omron Italia è un fornitore di tecnologia nell’automazione industriale, nel settore sanitario e nella componentistica elettronica

Omron e la formazione
Progetto Educational – L’educazione tecnologica è sottoposta ad un continuo cambiamento per aspetti contenutistici, curriculari e laboratoriali grazie al grande impulso dell’Industria 4.0 ed al vasto tessuto manifatturiero che caratterizza l’economia italiana. Il ruolo di Omron diventa strategico per adeguare la scuola alle nuove richieste del mondo del lavoro.
Il Progetto Scuola Omron, nato nel 2004, evolve e diventa Progetto Educational, comprendendo oltre alle iniziative che si rivolgono alle scuole secondarie di secondo grado a indirizzo tecnico-scientifico – ITIS, Licei Tecnologici, IPSIA e CFP – anche attività specifiche per gli Istituti Tecnici Superiori (ITS), le Università e i Politecnici: nasce così il Progetto Accademia (da: https://industrial.omron.it/)

La quattordicesima edizione
Si è conclusa ufficialmente la quattordicesima dizione di Smart Project 2021, il progetto organizzato da Omron e patrocinato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dedicato agli studenti del 4° e 5° anno delle scuole Secondarie di Secondo Grado con l’intento di confrontarsi nella realizzazione di un progetto di automazione industriale, Industria 4.0, realizzabile mediante il software gratuito messo a disposizione dall’azienda stessa.

Un progetto di massimo livello per incentivare le eccellenze della Scuola italiana ponendo le basi della meccatronica (meccanica, elettronica e informatica), una branca dell’ingegneria che si occupa dello studio di sistemi meccanici intelligenti da impiegare in contesti industriali e civili per semplificare il lavoro dell’uomo. I suoi principali ambiti di applicazione sono la robotica e l’automazione industriale.

Se il pensiero computazionale viene sviluppato sin dagli inizi della Scuola dell’Infanzia per poi consolidarsi nella Primaria e nella Scuola Secondaria di primo Grado con il supporto della Robotica Educativa, il Trofeo Smart Project Omron ha il compito di trasformare le conoscenze precedentemente acquisite in competenze necessarie alla progettazione e alla realizzazione di automazioni legate nel contesto economico reale dell’Industria 4.0. Dalla simulazione alla realizzazione, dall’idea alla sua valutazione.

ANITeL, associazione nazionale Insegnanti Tutor e-learning per la formazione, è stata invitata a far parte della Commissione di valutazione dei 10 progetti selezionati.

“La competizione, organizzata annualmente da Omron di concerto con il Ministero dell’Istruzione, ha visto per il secondo anno consecutivo uno svolgimento anomalo, tutto online e senza la tradizionale prova di automazione riservata agli studenti.

L’evento

La cerimonia si è svolta quindi nel formato del Web Event che ha visto in collegamento fino a 160 persone per assistere all’esposizione e alla premiazione dei progetti più meritevoli.

Alle ore 8,30 di mercoledì 12 maggio si è aperta la sessione preceduta dai consueti saluti dei dirigenti Omron Massimo Porta, Andrea Nespoli. Per il MIUR erano presenti Anna Brancaccio e Fabrizio Proietti. Subito dopo Michele Dibenedetto, Market Manager Educational Project Omron, ha dato il via all’esposizione dei 10 progetti le cui presentazioni erano affidate agli studenti introdotti dai loro insegnanti.

I più disinvolti sono stati proprio loro, i ragazzi protagonisti di questo quattordicesimo Trofeo che hanno saputo veicolare molto bene il loro messaggio, forse rodati anche da mesi di didattica a distanza.

Il Trofeo Smart Project Omron, la cui partecipazione è gratuita, è un’attività contemplata nel Protocollo d’Intesa con il MIUR e rappresenta uno standard di massimo livello che il PNSD, Piano Nazionale Scuola Digitale, preveda per gli Istituti Tecnici e Professionali.

Si tratta di un progetto interdisciplinare da svolgersi in orario curricolare ed extracurriculare previa selezione dopo una prima fase di orientamento.

Tra le varie finalità trasversali, oltre a quelle specifiche, possiamo ricordare:

  • favorire la conoscenza del mondo
  • potenziare le competenze artistiche, ambientali e culturali
  • potenziare le capacità individuali
  • favorire l’acquisizione di autonomia operativa
  • potenziare le competenze disciplinari generali
  • potenziare le competenze linguistiche
  • potenziare le attività di sostegno alla didattica
  • potenziare le competenze tecnologiche
  • potenziare il metodo di studio
  • potenziare il rapporto con le famiglie
  • valorizzare le strutture e apparecchiature della scuola.

I 10 progetti finalisti

Siamo rimasti favorevolmente colpiti dalla sensibilità e dall’attenzione posta dalle nuove generazioni agli “Obiettivi Globali per uno Sviluppo Sostenibile” propri dell’Agenda 2030 quali l’agire per il clima, il consumo e la produzione sostenibile, l’energia pulita e accessibile, le nuove tecnologie per l’industria, tutti presupposti che lasciano ben sperare in miglioramenti significativi per la vita del Pianeta Terra e di tutti i suoi abitanti.

  • Birramatica, impianto per la produzione della birra. Angelo Guglielmi – Giacomo Vaira.
  • Campionatura automatica per test di laboratorio – IIS Fermo Corni – Olivia Savigni – Simone Cavani.
  • Confezionamento bevande – IIS L. Nobili – Bun Michal Stanislaw – Filippo Formella.
  • Macchina punzonatrice – IIS G. Pentasuglia – Mattia Leone – Luca Rubino.
  • 3D Printing factory – IIS B. Castelli – Giacomo Baresi – Giorgio Andrea Fossati.
  • Imbottigliatrice – ITIS Fermi Bassano – Alberto Pizzato – Davide Schiavo.
  • Next generation battery production – ITIS Fermi Modena – Gabriele Pattarozzi – Harmanjot Singh.
  • Impianto termico con controllo distribuito – ITIS G. Pentasuglia – Alessandro Venezia – Lorenzo Tommaselli.
  • Autoigienizziamoci – IIS B. Castelli – Andrea Cocchetti – Muhammad Merin.
  • PET recycling system IIS D. Zaccagna – Andrea Martinelli – Matteo Martini.

La valutazione dei progetti ha tenuto conto dei seguenti parametri:
– spendibilità nel campo didattico
– complessità nell’ambito della programmazione, progettazione
– originalità dell’idea e delle funzioni

La premiazione

Classifica dei progetti

Al terzo posto si è classificato il progetto “Autoigenizziamoci”  dell’IIS B. Castelli con gli studenti Andrea Cocchetti – Muhammad Merin. 
Al secondo posto troviamo “3D Printing factory”  dell’IIS B. Castelli – Giacomo Baresi – Giorgio Andrea Fossati. 
Vincitore assoluto “PET recycling system” – IIS D. Zaccagna – Andrea Martinelli – Matteo Martini. 

Le borse di studio
Voucher di 600 euro a Giacomo Baresi  dell’IIS B. Castelli
Voucher di 400 euro a Harmanjot Singh dell’ITIS Fermi di Modena  
Voucher di 200 euro a Gabriele Pattarozzi dell’ITIS Fermi di Modena  

Premio comunicazione
Premio per la miglior esposizione orale ad Andrea Martinelli e Matteo Martini dell’IIS D. Zaccagna con PET recycling system

Premio speciale i-Automation all’IIS F Cormi con Olivia Savigni e Simone Cavani

E’ stato veramente difficile individuare i vincitori in quanto tutti i progetti ci sono sembrati di alto spessore e pure l’abilità delle coppie di studenti nel presentarli.
Per la prossima edizione confidiamo vivamente, come è consuetudine, di trovarci in presenza a Roma nei saloni istituzionali del MIUR.
Congratulazione agli Istituti, ai Professori e agli studenti che con il loro impegno hanno dimostrato che il Sistema Italia mantiene inalterati i propri valori.

Vedi l’ultima edizione in presenza>>

 

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA 2019

 

Media Education

Media Education

“MEDIA EDUCATION: più consapevolezza, più opportunità, più futuro!”.

Lunedì 3 febbraio alla Camera dei Deputati si è tenuto il convegno sulla Media Education voluto e promosso dalla Ministra Lucia Azzolina. Si è discusso del ruolo della scuola nel processo educativo delle nuove generazioni con attenzione particolare al linguaggio d’odio, contro il quale è necessario battersi per favorire la cultura del rispetto, in rete e fuori la rete. Se ne è discusso con esperti e insegnanti.

Una giornata ricca di riflessioni, spunti e interventi.

Formazione continua in ambienti di apprendimento multicanale sincroni

Ricerca, collaborazione e condivisione delle competenze

Confronto sui problemi della formazione e proposte costruttive

Tecnologia didattica e innovazione

Aggiungiti a Noi! Una community di Formatori e Animatori Digitali

Per una diffusa condivisione delle buone pratiche

Bett Show 2020 – Londra


ANITeL al Bett 2020 di Londra

“Creare un futuro migliore trasformando l’educazione”.

Visita intensiva di 5 giorni alla principale vetrina della didattica digitale.

Londra, 25-01-2020

Dal 22 al 25 gennaio abbiamo partecipato ed esplorato il Bett, “la prima fiera industriale dell’anno nel panorama della tecnologia dell’istruzione, che riunisce oltre 800 aziende leader, 103 nuove entusiasmanti startup EdTech e oltre 34.000 partecipanti. Persone provenienti da oltre 146 paesi della comunità educativa globale si riuniscono per celebrare, trovare ispirazione e discutere il futuro dell’educazione, oltre a dimostrare come la tecnologia e l’innovazione consentono agli educatori e agli studenti di migliorare”.

La più grande fiera della didattica digitale al mondo opera per creare un futuro migliore trasformando l’educazione, aggregando persone, idee, pratiche e tecnologie in modo che educatori e studenti possano raggiungere il loro massimo potenziale. Si propone di arricchire la comunità educativa globale tamite esperienze inclusive. Evento e manifestazione aperta a tutti perchè tutti hanno un ruolo da svolgere nella trasformazione dell’istruzione.

Quest’anno è stato suddiviso in sei grandi aree.
Nella Learning Tech Zone si trova tutto ciò che serve per fornire alle classi materiali di apprendimento innovativi.

La Teaching Tech Zone raccoglie tutti i prodotti, i servizi e le consulenza per la gestione, il monitoraggio e la valutazione.
L’Equipment & Hardware Zone propone tutta la tecnologia hardware necessaria con le ultime novità in fatto di laptop, tablet, AV, monitor.
Nella Global Showcase Zone si trovano i migliori e più recenti prodotti, servizi e demo dal vivo dei migliori marchi globali, come Microsoft, HP, Adobe e altro.
In Management Solutions Zone è esposto tutto il necessario per gestire accademie, istituzioni, campus e scuole.
Per la prima volta in 28 anni, Education Show @ Bett, lo studio dell’educazione relativo al successo di ogni parte di un’istituzione, è stato integrato all’interno di Bett.

Nel padiglione internazionale abbiamo esplorato le esperienze didattiche più significative di paesi europei come la Francia, la Norvegia, la Spagna, la Danimarca, la Russia e la Plolonia. Grande assente l’Italia. Presente anche l’Asia con il Giappone, la Sud Corea, l’Arabia Sauita e gli Emirati Arabi Uniti (UAE).

Balza subito agli occhi la totale scomparsa delle LIM a favore degli Active Panel, Monitor multimediali interattivi touchscreen con APP per la formazione, condivisione, videoconferenza, gioco, presentazioni.
Molto interessante la proposta di contenuti didattici sviluppati all’interno di piattaforme didattiche per opera di istituti, enti pubblici e privati.

Alla fine dell’esplorazione intensiva durata quattro giorni, abbiamo avuto la netta percezione che realtà virtuale e intelligenza artificiale saranno le grandi protagoniste della Scuola del futuro.

La visita si è dimostrata di grande utilità per appurare l’evoluzione della didattica digitale, fornendo varie idee e materiali da sviluppare nei corsi formativi ANITeL che dal 2004 eroghiamo dalla nostra piattaforma online.

Siamo l’Associazione Nazionale Insegnanti e-Tutor, Ente accreditato per la formazione dal MIUR con Prot. n. AOODGPER15315 del 27 luglio 2007, confermato con Direttiva MIUR 170/2016. Attestati riconosciuti, corsi validi per il monte ore di formazione obbligatoria, contributo deducibile dal bonus formazione.
Piattaforma di formazione >>

VIDEO TUTORIAL

GALLERIA FOTOGRAFICA

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Forpheus, il robot che gioca a ping-pong

Forpheus, il robot che gioca a ping-pong

LEGGI IL COMUNICATO STAMPA >>

Omron presenta, per la prima volta in Italia a SPS, la quinta generazione di Forpheus*, il primo e unico robot al mondo dotato di intelligenza artificiale e in grado di allenare a giocare a ping-pong. Forpheus mostra la tecnologia di base di Omron focalizzata su come le macchine intelligenti possono imparare dalle interazioni umane e contribuire a sostenere il potenziale umano.

Questa quinta generazione dispone di una gamma più ampia di movimenti, di maggiori abilità di previsione dei comportamenti umani, di rilevamento delle oscillazioni della pallina e di addestramento personalizzato basato sull’IA. Forpheus è la dimostrazione di come le macchine intelligenti possono imparare dalle interazioni con gli esseri umani e contribuire allo sviluppo e al supporto del potenziale umano.

Allo stand Omron (C030-D030, Padiglione 6) sarà inoltre possibile vedere di persona:

  • la demo live di una linea di produzione flessibile osservando così dal vivo un intero processo di produzione, dall’inserimento dell’ordine fino all’assemblaggio, all’ispezione e alla consegna;
  • la demo live dedicata al controller AI, la prima soluzione AI al mondo che opera in modalità “Edge” all’interno della macchina e monitora le linee di produzione con sensori in tempo reale per rilevare le irregolarità più rapidamente.

Il Press Tour proseguirà al District 4.1 Stand Omron C025 dove Omron esporrà progetti legati alle aree di rinnovamento del settore manifatturiero attraverso le nuove tecnologie e la digitalizzazione dei processi:

  • la soluzione robotica di bin picking (prelievo di pezzi da contenitori) che associa un TM collaborative robot, un robot mobile LD e la visione 3D
  • e, per la prima volta al mondo Generali Jeniot presenta la demo The robotic system JADA (Jeniot Accelerometer-Based Devices Assessor), una cella robotizzata fornita di un robot Delta Omron in grado di testare l’affidabilità delle scatole nere per auto, muovendo tali dispositivi come se fossero all’interno di una vettura che subisce un impatto, senza la necessità di svolgere un crash test distruttivo con veicoli.

Il Press Tour si concluderà al District 4.0 allo stand Oracle A015 dove sarà presente un demo booth dedicato alla Smart Connected Factory. Il nuovissimo Omron TM cobot, dotato di un sistema di visione di ultima generazione, eseguirà una serie di task complessi, sotto la guida umana o in completa autonomia. Tutte le informazioni che riguardano il suo funzionamento saranno monitorate real-time dalle Cloud Application di Oracle, permettendo così di gestire tutte le istanze legate al suo perfetto funzionamento, in linea con gli standard qualitativi e quantitativi richiesti. Con questa applicazione, Omron e Oracle dimostrano la totale integrazione tra la piattaforma IT ed OT.

Dettagli degli Omron Press Tour:

Quando:

  • 28 maggio – h 14.10
  • 29 maggio – h 11.10
  • 30 maggio – h. 11.10

Meeting Point: Stand Omron Pad. 6 – Stand D030-C030. Press Tour Speaker: Marco Spimpolo, Regional Marketing Manager Press Tour Coordinator: Chiara Rovetta, Field Communication Coordinator

Vi prego di comunicarmi il vostro interesse a partecipare al Press Tour indicando giorno e orario e, se interessati, prenotare una partita a ping-pong con Forpheus indicando giorno e orario, rispondendo direttamente a questa email.

In allegato il ns comunicato stampa e al seguente link il TABLOID OMRON, un’anticipazione di quello che vedrete all’Omron Press Tour https://spaces.hightail.com/receive/80UfRBtnik

Vi aspetto a SPS!

    Chiara Rovetta
Field Communication Coordinator

Smart-project-2019

Smart Project 2019, fase finale. Un Progetto per la scuola di domani

Dal 2004 impegno e passione al servizio della scuola italiana

di Valerio Pedrelli, Presidente ANITeL e redazione Scuolidea.it

Roma, 07 – 08 maggio 2019

Si è conclusa ufficialmente la dodicesima edizione di Smart Project 2019, il progetto organizzato da Omron e patrocinato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dedicato agli studenti del 4° e 5° anno delle scuole Secondarie di Secondo Grado con l’intento di confrontarsi nella realizzazione di un progetto di automazione industriale, Industria 4.0, realizzabile mediante il software gratuito messo a disposizione dall’azienda stessa.

Un progetto di massimo livello per incentivare le eccellenze della Scuola italiana ponendo le basi della meccatronica (meccanica, elettronica e informatica), una branca dell’ingegneria che si occupa dello studio di sistemi meccanici intelligenti da impiegare in contesti industriali e civili per semplificare il lavoro dell’uomo. I suoi principali ambiti di applicazione sono la robotica e l’automazione industriale.

Se il pensiero computazionale viene sviluppato sin dagli inizi della Scuola dell’Infanzia per poi consolidarsi nella Primaria e nella Scuola Secondaria di primo Grado con il supporto della Robotica Educativa, il Trofeo Smart Project Omron ha il compito di trasformare le conoscenze precedentemente acquisite in competenze necessarie alla progettazione e alla realizzazione di automazioni legate nel contesto economico reale dell’Industria 4.0. Dalla simulazione alla realizzazione, dall’idea alla sua valutazione.

ANITeL, associazione nazionale Insegnanti Tutor e-learning per la formazione, è stata invitata a far parte della Commissione di valutazione dei 10 progetti selezionati.

“In un mercato del lavoro in cui sempre più si va alla ricerca della specializzazione e della competenza specifica, è fondamentale che nelle scuole si riesca a dare il massimo peso possibile alle ore pratiche e di laboratorio. In questo contesto si cala perfettamente quello che Omron mette a disposizione in termini di strumenti software e dispositivi hardware pensati per le scuole, affinché un domani gli studenti possano affrontare il campo dell’automazione industriale senza trovarsi spiazzati dalle ultime novità tecnologiche”.

Il Trofeo Smart Project Omron, la cui partecipazione è gratuita, è un’attività contemplata nel Protocollo d’Intesa con il MIUR e rappresenta uno standard di massimo livello che il PNSD, Piano Nazionale Scuola Digitale, preveda per gli Istituti Tecnici e Professionali.

Si tratta di un progetto interdisciplinare da svolgersi in orario curricolare ed extracurriculare previa selezione dopo una prima fase di orientamento.

Tra le varie finalità trasversali, oltre a quelle specifiche, possiamo ricordare:

  • favorire la conoscenza del mondo
  • potenziare le competenze artistiche, ambientali e culturali
  • potenziare le capacità individuali
  • favorire l’acquisizione di autonomia operativa
  • potenziare le competenze disciplinari generali
  • potenziare le competenze linguistiche
  • potenziare le attività di sostegno alla didattica
  • potenziare le competenze tecnologiche
  • potenziare il metodo di studio
  • potenziare il rapporto con le famiglie
  • valorizzare le strutture e apparecchiature della scuola.

La prima fase consiste nella realizzazione del progetto presso la sede scolastica di appartenenza e nell’invio degli elaborati a Omron; il docente coordinatore potrà coinvolgere in questa fase il numero di studenti che ritiene opportuno per formare il gruppo di lavoro.

La seconda fase ha il compito di individuare i 10 progetti migliori. Il docente coordinatore e due studenti rappresentativi del gruppo di lavoro verranno invitati a partecipare alla fase finale della manifestazione presso una sede che viene specificata di anno in anno.

Elenco dei progetti selezionati a livello nazionale.

Istituto Comune PV Nome docente Titolo progetto Cat Studenti
IIS F.CORNI MO Claudio Ferrari TRIS 4.0 ESPERTI D. Montorsi A. Rossi
ENFAPI COMO COMO CO Carlo Tettamanti GENERATORE ELETTRICO DA RETE IDRICA ESPERTI S. Bosco A. Martegani
ITIS MOVM DON MOROSINI FERENTINO FR Franco Guglietti MACCHINA DI TEST OFFLINE CICLAGGIO E RESPONSE CHEKER ESPERTI M. Santucci I. Fiorini
ITI FERMI MODENA MO Giuliano Monti AUTOMAZIONE DI UN MAGAZZINO VIRTUALE ESPERTI C. Gigante R. Rosi
ITIS MOVM DON MOROSINI FERENTINO FR Girolamo Tropeano GESTIONE AUTOMAZIONE MACCHINA RACCOLTA RIFIUTI ESPERTI M. Corridori S. D’Onorio
ITI E. FERMI BASSANO DEL GRAPPA VI Paolo Scotton GESTIONE ENERGETICA DI UN IMPIANTO TERRESTRE A TURBINA A GAS PROMESSE M. Dalla Valle G. Girardi
I.S.I.S. DOMENICO ZACCAGNA AVENZA DI CARRARA MS Roberto Biasci SAPONE 4.0 PROMESSE A. Di Natale M. Bandoni
I.I.S. MARZOLII PALAZZUOLO SULL’OGLIO BS Rocco Potenza BRIK MAKER PROMESSE M. Fenaroli S. Singh
IIS CASTELLI BRESCIA BS Giuseppe Trimarchi MAGAZZINO DEL SOLE PROMESSE A. Bettoni F. G. Ferrara
I.I.S.ZACCAGNA AVENZA DI CARRARA MS Sara Fusani ADVANCED HONEY PRODUCTION PROMESSE A. Galeotti N. Tonazzini

La fase finale del Trofeo si è svolta a Roma nei giorni 07 e 08 maggio 2019. Il pomeriggio del primo giorno ha visto impegnati docenti e studenti presso l’Hotel dei Giuochi Delfici rispettivamente in un convegno e in un test su argomenti di automazione industriale. Nella mattinata seguente ha avuto luogo la presentazione dei progetti e la premiazione di scuole, docenti e studenti vincitori presso la sala Comunicazione del Miur. Gli studenti hanno sostenuto un test su argomenti di automazione industriale, e hanno presentato il progetto davanti a una platea composta, fra gli altri, da giornalisti del settore che hanno provveduto a valutarne esposizione ed efficacia comunicativa.
Sono state assegnate borse di studio per i migliori studenti e materiale didattico per le scuole.
Presenti i funzionari MIUR della Direzione Generale.

Ad Alessandro Bettoni di Brescia
la XII edizione dello Smart Project Omron

Alessandro Bettoni, studente del quinto anno dell’IIS Castelli di Brescia, è il vincitore dell’edizione 2019 del Trofeo Smart Project. La competizione, organizzata annualmente da Omron di concerto con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Rcerca (MIUR), ha visto quest’anno piazzato al secondo posto Mattia Bandoni dell’IIS Zaccagna di Carrara (MS) e al terzo Ivan Fiorini dell’ITIS Morosini di Ferentino (FR). I tre sul podio portano a casa un assegno rispettivamente di 600, 400 e 200 euro. La cerimonia si è svolta come di consueto nella cornice della Sala Conferenze del MIUR recentemente intitolata ad Aldo Moro, lo statista vittima del terrorismo, nei giorni 7 e 8 maggio 2019.
Massimo Esposito, ispettore del MIUR, ha sottolineato come la partecipazione al Trofeo costituisca una palestra per far emergere nei ragazzi le abilità trasversali come la capacità di lavorare in gruppo, il problem solving e lo spirito di iniziativa.
Fabrizio Proietti, (dirigente ordinamenti dei percorsi dell’istruzione tecnica e dell’istruzione professionale) ha invece enfatizzato il legame scuola-industria, che viene rafforzato e ribadito da iniziative come lo Smart Project.

Studenti, professori, dirigenti scolastici, stampa si sono ritrovati nella storica Sala per assistere alle esposizioni dei lavori e alla premiazione. Ognuno dei dieci progetti selezionati per la finale da una commissione mista MIUR-Omron, è stato esposto dalla coppia di studenti in rappresentanza del gruppo di lavoro che lo ha sviluppato.
Nella classifica dei progetti, al primo posto sì è collocato Sapone 4.0, elaborato dal team del professor Roberto Biasci con gli studenti Andrew Di Natale e Mattia Bandoni (IIS Zaccagna di Carrara), seguito dal Magazzino del Sole presentato da Alessandro Bettoni e Francesco Gastone Ferrara con il coordinamento del professor Giuseppe Trimarchi (IIS Castelli di Brescia). Al terzo posto si è piazzato Gestione energetica di un impianto terrestre a turbina a gas, cui hanno lavorato Matteo Dalla Valle e Giovanni Girardi coordinati dal professor Paolo Scotton (ITI Fermi di Bassano del Grappa).
Quest’anno i migliori comunicatori, a detta della giuria di giornalisti e dirigenti presenti, sono stati Alessandro Bettoni, già vincitore lo scorso anno, e Francesco Gastone Ferrara.
Per la categoria scuole, infine, i premi sono andati all’ IIS Castelli (8000 euro in prodotti Omron), primo classificato, all’IIS Zaccagna (7.000 euro), secondo in graduatoria e all’IIS Marzoli (6.000 euro), che ha conquistato il terzo posto.

Un premio speciale…

Un riconoscimento speciale è stato assegnato alla scuola esordiente che ha presentato il miglior progetto: si tratta del Polo tecnico Professionale di Lugo di Ravenna, presente con gli studenti Valerio Borghi e Giovanni Ortecolli, accompagnati dal docente Stefano Saputo.

Vedi tutte le classifiche Smart Project 2019 >>

Una visita speciale

Novità di quest’anno è stata la visita al sito produttivo della divisione Omron Automotive Electronics Italy. Nata nel 2004 ad Alatri (FR) da una joint venture con Bitron S.p.A., ha la sua sede attuale a Frosinone dal 1 gennaio 2018. OBI – questa la sigla identificativa dell’azienda nel mondo Omron –  è parte di EMC, il settore dedicato alla produzione dei componenti elettromeccanici e rientra nella macro-divisione Mobility del business Omron. L’azienda è dedita alla produzione di relè e moduli di controllo per il settore automotive e il portafoglio clienti comprende case automobilistiche come Peugeot-Citroën, Renault, FCA e fornitori automotive quali Magneti Marelli e Yazaki.
Studenti, docenti, giornalisti ospiti hanno avuto modo di visitare le linee produttive, dove in ciascuna stazione, un tecnico spiegava loro la fase di lavorazione che stavano osservando in quel momento, dando così modo di cogliere la complessità tecnologica che sta dietro la produzione anche di un semplice componente come un relè elettromeccanico.
I componenti metallici e plastici tranciati e stampati nel reparto semilavorati vengono assemblati nei reparti di produzione dove troviamo linee semi automatiche e linee automatiche.
Grande enfasi è stata posta sul controllo della difettosità che, nel mondo automotive, non deve superare le poche parti per milione di pezzi. Un obiettivo, come ha sottolineato l’ingegner Piercarlo Gugliotta, Quality Assurance Assistance Manager, che viene perseguito con il massimo impegno.
Per garantire la qualità e prevenire la contaminazione di alcuni relè aventi caratteristiche molto delicate per tipologia e dimensioni, la produzione viene realizzata in clean room. L’organico OBI è formato da 250 persone, tutte di vitale importanza per la crescita e lo sviluppo di una società sostenibile.

 

Che cos’è lo Smart Project

Giunto quest’anno alla dodicesima edizione, il Trofeo Smart Project Omron nasce con l’obiettivo di avvicinare le scuole tecniche e professionali al mondo dell’automazione industriale, in accordo con le direttive ministeriali che promuovono gli interventi di valorizzazione dell’istruzione e delle eccellenze. L’iniziativa, patrocinata dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca), è aperta agli studenti delle classi quarte e quinte di tutte le scuole secondarie di secondo grado, supportati dal coordinamento dei rispettivi docenti. Tutti i progetti di automazione industriale in concorso sono stati sviluppati utilizzando gli strumenti software che Omron mette a disposizione gratuitamente per le scuole.
Maggiori dettagli su: https://industrial.omron.it/it/services-and-support/school-project

PROGETTI VINCITORI

1° posto: SAPONE 4.0,  Docente Roberto Biasci, Classe 4^ ISIS R. Zaccagna di Carrara
2° posto: MAGAZZINO DEL SOLE, Docente Giuseppe Trimarchi, Classe 5^ IIS Benedetto Castelli di Brescia
3° posto: GESTIONE ENERGETICA DI UN IMPIANTO TERRESTRE A TURBINA A GAS, Docente Paolo Scotton, classe 5^ ITIS Bassano del Grappa

 L’esposizione dei progetti e la premiazione si sono svolte, come è ormai tradizione, a Roma, nella Sala della Comunicazione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, alla presenza dei funzionari MIUR. 
Studenti, professori, dirigenti scolastici, stampa si sono ritrovati nella storica Sala per assistere alle esposizioni dei lavori e alla premiazione.
Dieci i progetti selezionati per la finale, ripartiti nelle due categorie: “Esperti” e “Promesse” in base all’esperienza maturata dal docente nella competizione.

Maggiori dettagli su: https://industrial.omron.it/it/services-and-support/school-project

SPS Italia entra nel Trofeo

Uno sponsor d’eccezione: SPS Italia ha deciso di collaborare allo Smart Project. SPS Italia è la fiera di riferimento per il settore dell’automazione industriale la cui edizione 2018 si terrà a Parma dal 28 al 30 maggio. Omron sarà presente con le sue soluzioni di automazione e robotica.

Verbali dell’Assemblea Generale Soci ANITeL 2019

01.04.2019 

Si sono regolarmente concluse le operazioni di voto dell’AG Soci ANITeL 2019.
Il Presidente Valerio Pedrelli, constatata la regolarità dell’Assemblea,
dichiara valida l’Assemblea Generale Ordinaria dei Soci di ANITeL in
seconda convocazione e dichiara approvati i documenti:
1. Bilancio consuntivo 2018 e attività svolte nel 2018;
2. Bilancio preventivo 2019 e documento programmatico 2019.
Lì, 01.04.2019

f.to il Segretario ANITeL
Cosimo Abbracciavento
f.to il Presidente ANITeL
Valerio Pedrelli

I verbali sono a disposizione all’interno dell’ambiente di voto:
https://www.anitel.cloud/portale/vota-2019/

Grazie a tutti coloro che hanno partecipato e contribuito al regolare svolgimento delle operazioni.

Chimica

Chimica

ANITeL Vi invita al…

Premio Federchimica Giovani 2018/2019

Da Federchimica.it

IL CONCORSO

Il 2019 è stato proclamato dall’ONU “Anno della Tavola periodica degli elementi di Dmitrij Mendeleev”. La decisione delle Nazioni Unite riconosce l’importanza della chimica per la promozione dello sviluppo sostenibile e per la ricerca di soluzioni alle sfide globali in svariati settori: energia, educazione, agricoltura, salute e molti altri.
La chimica è al nostro fianco ogni giorno: senza la chimica e i suoi prodotti non sarebbe infatti possibile nutrirsi, curare e prevenire le malattie, vestirsi, muoversi, divertirsi, comunicare e vivere in sicurezza.
Il Premio Nazionale Federchimica Giovani è promosso da Federchimica, Federazione nazionale dell’industria chimica, e da alcune delle sue Associazioni di settore in collaborazione con il MIUR, DG per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione
Il Premio è rivolto a studenti di scuole secondarie di primo grado che possono partecipare con un racconto, un reportage giornalistico, una presentazione, un fumetto o un video.

In palio:

  • un tablet per i vincitori singoli;
  • un buono del valore di 2.000 euro per l’acquisto di strumentazione tecnico-scientifiche, libri e materiale didattico da concordare in base alle necessità della scuola vincitrice.
 

SCADENZA 18 MARZO 2019* 
(termine ultimo di iscrizione online e invio degli elaborati)

ISCRIVITI

*Fatta eccezione per le sezioni “Chimica di base” e “Plastica” che si rivolgono anche alla scuola primaria, con caratteristiche e premi differenti. Vedi Regolamento

Info e contatti: Tel 02/34565 278/279  mail segreteriapremio@federchimica.it 

CONCORSO PER LE SCUOLE MEDIE

CONCORSO PER LE SCUOLE ELEMENTARI E MEDIE 
SU CHIMICA DI BASE E PLASTICA

PER SAPERNE DI PIU’…

Vai alle nostre pubblicazioni per la scuola o visita i siti dei “settori speciali”

Chimica, una buona scelta

Didacta

Didacta

18 > 20 Ottobre 2018, orario 9 – 18.30 – Firenze, Fortezza da Basso – Firenze

Dal 18 al 20 ottobre 2018 si svolgerà a Firenze la seconda edizione di Fiera Didacta Italia, il più importante appuntamento fieristico sul mondo della scuola.

Fiera Didacta, da oltre 50 anni in Germania, si consolida a Firenze trasformando per tre giorni il capoluogo toscano nella capitale europea della scuola del futuro.

Fiera Didacta Italia ha l’obiettivo di favorire il dibattito sul mondo dell’istruzione tra gli enti, le associazioni e gli imprenditori, per creare un luogo di incontro tra le scuole e le aziende del settore.

Un nuovo format, che si sviluppa su due livelli: un’area espositiva, che coinvolge la lunga filiera delle aziende che lavorano nel mondo della scuola e della formazione e un’attività dedicata agli eventi: convegni e seminari che spaziano dall’area tecnologica a quella scientifica e umanistica, fino allo spazio d’apprendimento.

E’ rivolta a tutti coloro che operano nel settore dell’istruzione, dell’educazione e della formazione professionale. In particolare, rappresentanti istituzionali, docenti, dirigenti scolastici, educatori e formatori, oltre a professionisti e imprenditori operanti nel settore della scuola e della tecnologia.

Didacta è organizzato da Firenze Fiera insieme alle principali istituzioni del territorio (Regione Toscana, Comune di Firenze, Camera di Commercio di Firenze) e da Didacta International, con il supporto della Camera di Commercio italiana per la Germania (Itkam) e di Florence Convention & Visitors Bureau.

Fondamentale il contributo di Indire in qualità di soggetto responsabile della programmazione scientifica di Fiera Didacta Italia.

Fiera Didacta Italia è patrocinato dal Miur, dal Dipartimento delle Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dall’Ambasciata della Repubblica Federale Tedesca in Italia, dal Centro Italo-Tedesco Villa Vigoni, da Unioncamere e da Assocamerestero.

Approfondisci >>

Oggetto: Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (UE/2016/679) – Responsabile della protezione dei dati personali- Prime indicazioni per le Istituzioni scolastiche.

Il Regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali (c.d. GDPR) attribuisce ai soggetti pubblici una significativa discrezionalità nella individuazione delle modalità
organizzative di adeguamento alle novità in esso previste.
Al fine di consentire l’avvio di un percorso di attuazione del suddetto Regolamento, in attesa dell’emanazione del decreto legislativo nazionale di dettaglio, si ritiene opportuno, in accordo con il Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione, fornire indicazioni alle scuole, anche in considerazione delle necessità e delle criticità rappresentate dalle organizzazioni sindacali in occasione dell’incontro tenutosi presso questo Dipartimento in data 18 maggio u.s.
Come noto, ciascun istituto scolastico, in virtù della propria autonomia, deve dotarsi in via prioritaria del Responsabile della protezione dati personali. Tale figura, interna o esterna, deve essere connotata dai requisiti di autonomia e indipendenza, operare senza conflitto di interessi e possedere specifiche competenze in materia di trattamento dei dati personali.
Tenendo conto della previsione dell’articolo 37, comma 3 del Regolamento riguardo alla nomina di un unico Responsabile della protezione dei dati per più autorità pubbliche, è consentito a
più scuole di avvalersi di un unico Responsabile. Pertanto, gli Uffici Scolastici Regionali dovranno svolgere in questo ambito un fondamentale ruolo di interlocuzione e di coordinamento nei confronti delle istituzioni scolastiche per promuovere soluzioni condivise.
L’atto di designazione di un unico Responsabile della protezione dei dati personali potrà, ad esempio, avvenire attraverso la decisione congiunta di scuole già costituite in reti di scopo poste in essere per l’attuazione di procedure amministrative di interesse comune.
Al medesimo risultato, si potrà pervenire favorendo la conclusione di accordi volti a disciplinare lo svolgimento in collaborazione di attività di interesse comune per l’individuazione di un unico Responsabile della protezione dei dati personali, attraverso il coinvolgimento contestuale degli istituti scolastici dislocati nello stesso ambito regionale, provinciale o subprovinciale, a seconda delle peculiarità territoriali, soddisfacendo, comunque, il requisito della cosiddetta MIUR.AOODPPR.REGISTRO UFFICIALE(U).0000563.22-05-2018
Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione e la Gestione delle Risorse Umane, Finanziarie e Strumentali “raggiungibilità” del Responsabile per la protezione dei dati proprio per assicurare un efficace supporto al Titolare del trattamento.
Inoltre, come importante misura di accompagnamento al percorso di adeguamento, per assicurare una formazione adeguata e capillare sui temi e le nuove problematiche che concernono il trattamento dei dati personali alla luce del suddetto Regolamento, il MIUR provvederà a rendere accessibile entro la prossima settimana a tutto il personale scolastico il corso di formazione on line, della durata di nove ore, in questi giorni fruito dal personale del Ministero.
Nelle prossime settimane verrà, poi, definita l’organizzazione di un sistema di formazione a rete, così come configurato e realizzato per il Piano Nazionale Scuola Digitale, prevedendo degli incontri formativi interregionali indirizzati in via prioritaria ai dirigenti scolastici e ai direttori dei servizi generali ed amministrativi (DSGA).
Infine, per supportare ulteriormente le istituzioni scolastiche, al fine di assicurare la creazione di un corretto sistema di protezione dei dati personali, sarà trasmesso nelle prossime settimane un modello standard di Registro delle attività di trattamento dei dati personali come previsto dall’articolo 30 del succitato Regolamento.

IL CAPO DIPARTIMENTO
Carmela Palumbo

Formazione continua in ambienti di apprendimento multicanale sincroni

Ricerca, collaborazione e condivisione delle competenze

Confronto sui problemi della formazione e proposte costruttive

Tecnologia didattica e innovazione

Aggiungiti a Noi! Una community di Formatori e Animatori Digitali

Per una diffusa condivisione delle buone pratiche

Bett2018

Bett2018

 La più importante mostra mondiale dell’Edu-technology. Cosa succede al BETT?

24 – 27 gennaio 2018
ExCel London

 

Ma cos’è il Bett?
Bett
 o Il Bett Show (precedentemente noto come il britannico Educational Training e Technology Show ) è un annuale fiera del Regno Unito di marketing information technology in formazione organizzato da Ascential . Il primo spettacolo Bett si è tenuto a Londra, in Inghilterra, nel 1985, e dal 2013 si tiene ogni anno a gennaio all’ExCeL di Londra.

Il primo Bett si è tenuto nel gennaio 1985 come ” Hi Technology and Computers in Education Exhibition ” presso il Barbican Centre , nel centro di Londra, in associazione con la British Educational Suppliers Association .

  • Lo spettacolo Bett del 1993 spostò le location dal Barbican Centre alle National e Grand Halls al centro espositivo Olympia . [1]
  • Il programma Bett del 2012 ha avuto la presentazione principale del Segretario all’Educazione Michael Gove .
  • Lo show 2013 di Bett ha spostato le location dal centro espositivo Olympia all’ExCeL di Londra .
  • Lo spettacolo Bett 2014 ha celebrato il suo 30 ° anniversario, che ha attirato 35.044 visitatori da 113 paesi. [2]
  • Lo spettacolo Bett 2015 ha introdotto la funzione “Bett Futures”, finalizzata a selezionare e promuovere 30 start-up di tecnologia educativa, selezionate da un panel di esperti educatori. [3] Tra i keynote presenters incluso anche il Segretario all’Educazione, Nicky Morgan .
  • Lo show 2017 di Bett ha visto il ritorno di Sir Ken Robinson [4] che aveva già pubblicato le note chiave nel 2015.

(da Wikipedia)

Ma cosa succede al Bett?

Per il 2018 stiamo celebrando il vostro impatto nella preparazione degli studenti di oggi per i lavori di domani e guardando al futuro dell’educazione. Ciò che verrà? E quali sono le competenze necessarie ai tuoi studenti per diventare Chief Neuro Data Cultivator?

Abbiamo anche un sacco di novità che non vediamo l’ora di condividere con voi … pensate alle nuove fantastiche funzionalità dello show, a un sito nuovo di zecca per la vostra pianificazione e lettura, e inventivi nuovi prodotti e contenuti che sicuramente cambiano il gioco.

 

Punti culminanti di Bett Show 2018

Lo spettacolo è ora aperto e in pieno svolgimento! In questi quattro giorni vedrai contenuti pieni di idee, ispirazione e innovazione futura. Inoltre, potrai provare l’ultima tecnologia e i nuovi prodotti lanciati esclusivamente in occasione di Bett 2018. 

Guarda questo spazio per gli aggiornamenti quotidiani delle attività dello spettacolo. 

Scegli il giorno in cui stai partecipando a Bett

 

Formazione continua in ambienti di apprendimento multicanale sincroni

Ricerca, collaborazione e condivisione delle competenze

Confronto sui problemi della formazione e proposte costruttive

Tecnologia didattica e innovazione

Aggiungiti a Noi! Una community di Formatori e Animatori Digitali

Per una diffusa condivisione delle buone pratiche

Intervento della Ministra Fedeli a Futura – Bologna

Intervento della Ministra Fedeli a Futura – Bologna

Il discorso istituzionale della ministra Fedeli a ‘Futura’

Bologna 19 gennaio 2018

  • Scuola, Fedeli a ‘Futura’: “La sfida dell’innovazione si vince sviluppando spirito critico e responsabilità”
  • Alla tre giorni per il Piano Nazionale Scuola Digitale presentati primi risultati dei gruppi di lavoro sull’uso dei device personali a scuola e sulle metodologie didattiche innovative.
  • Da lunedì on line un Curriculum di Educazione civica digitale.
  • Annunciati 25 milioni per la formazione dei docenti.
  • Il pensiero computazionale entrerà nelle Indicazioni Nazionali.
  • Lanciata la Coalizione per l’imprenditorialità.

Il video del MIUR (dal minuto 28:30 al minuto 1:03:50)

https://www.facebook.com/MIURsocial/videos/840830736078910/

Formazione continua in ambienti di apprendimento multicanale sincroni

Ricerca, collaborazione e condivisione delle competenze

Confronto sui problemi della formazione e proposte costruttive

Tecnologia didattica e innovazione

Aggiungiti a Noi! Una community di Formatori e Animatori Digitali

Per una diffusa condivisione delle buone pratiche

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi